Da un po

Posted in Taccuino on aprile 27, 2009 by eliasmengwee

passa il tempo
eppure le stagioni non fanno più differenza
è tutto sempre uno strato di niente.
certo, lo dicono tutti.
allora lo dico pure io, dillo pure tu.
che il bosco è lontano dal mondo
che il mare è lontano dal mondo
che tutto ciò che ci salva è lontano dal mondo
è lontano da noi, sempre
che l’aria è sempre più lontana dal mondo
che il mondo è sempre più lontano dal mondo
lo dicono tutti, dillo anche tu
ma si, è vero, tra i denti lo dicono tutti
poi fanno sempre finta di essere li… a un passo
magari lo sono davvero a un passo
a un passo dal morire in orario
c’è tempo anche per questo…
lo dicono tutti, lo dico pure io
che per far una religione basta essere in tanti
e tutti convinti, tutti convinti, tutti convinti
diciamolo insieme: io credo!
e qualcosa succede sicuro.
…intanto sono più lontano dal mondo
più lontano da me e da te, per forza
e non di gravità, che pure quella
si allontana con la luna… ha cominciato nel 1999.
grazie a uno strano telefilm,
ero ancora bambino, eppure la vedevo andare
ma che ci vuoi fare?
magari niente, magari un po tutto
magari andare, pure tu.

Annunci

E mi sorge un…

Posted in Taccuino on marzo 2, 2009 by eliasmengwee

sarà che Mira non è New York
sarà che noi facciamo cultura di serie B
sarà che chi ci governa non è sveglio a sufficenza per capire
sarà che le buone idee…
sarà che…

http://www.tg2.rai.it/default.asp?id_n=8357&id_r=2&id_c=16

metti via e porta a casa…

Mengwee live

Posted in live on marzo 2, 2009 by eliasmengwee

n656422307_1540717_6112256

Carissimi fedeli

Sabato sette marzo
potrebbe capitare che alle celebrazioni di addio alla scuola di via Luneo troviate i mengwee a suonare. nella persona sola di G…
sempre che riesca a tornare da Ischia in tempo…
ma anche se non ci fossimo passate lo stesso, perchè merita.
si.. si.. lo sappiamo la locandina ci ha fatti diventare una donna… potrebbe essere un’idea!!!

mentre l’undici marzo saremo al Portico di Dolo, ma in merito a questo vi daremo più notizie in seguito.

I dialettanti e il mare d’inverno

Posted in Taccuino on febbraio 12, 2009 by eliasmengwee

dialettanti 1.0
clamoroso live show dei Dialettanti al gran completo a Jesolo
IMPERDIBILE!!!

rime & cicchetti
domenica 15 febbraio dalle ore 17.00
Pizzeria Capri
via aquileia, P.zza De Santis 9
Jesolo Lido – VE –

vi aspettiamo!!!

Viaggi

Posted in Roba di musica on febbraio 10, 2009 by eliasmengwee

CARTE DA DECIFRARE

L’amore è tutto carte da decifrare
e lunghe notti e giorni per imparare
io se avessi una penna ti scriverei
se avessi più fantasia ti disegnerei
su fogli di cristallo da frantumare

E guai se avessi un coltello per tagliare
ma se avessi più giudizio non lo negherei
che se avessi casa ti riceverei
che se facesse pioggia ti riparerei
che se facesse ombra ti ci nasconderei

Se fossi un vero viaggiatore t’avrei già incontrata
e ad ogni nuovo incrocio mille volte salutata
se fossi un guardiano ti guarderei
se fossi un cacciatore non ti caccerei
se fossi un sacerdote come un’orazione
con la lingua tra i denti ti pronuncerei
se fossi un sacerdote come un salmo segreto
con le mani sulla bocca ti canterei

Se avessi braccia migliori ti costringerei
se avessi labbra migliori ti abbatterei
se avessi buona la bocca ti parlerei
se avessi buone le parole ti fermerei
ad un angolo di strada io ti fermerei
ad una croce qualunque ti inchioderei

E invece come un ladro come un assassino
vengo di giorno ad accostare il tuo cammino
per rubarti il passo, il passo e la figura
e amarli di notte quando il sonno dura
e amarti per ore, ore, ore
e ucciderti all’alba di altro amore
e amarti per ore, ore, ore
e ucciderti all’alba di altro amore

Perché l’amore è carte da decifrare
e lunghe notti e giorni da calcolare
se l’amore è tutto segni da indovinare

Perdona
se non ho avuto il tempo di imparare
se io non ho avuto il tempo
di imparare.

Ivano Fossati

Madagascar… un film tutto da ridere

Posted in Taccuino on febbraio 3, 2009 by eliasmengwee

riporto fedelmente un articolo apparso sul sito di Peace Reporter
giusto per gli amici che sono li e perchè se ne parli…

Il leader dell’opposizione chiede la destituzione del presidente Ravalomanana e annuncia un nuovo governo
scritto per noi da
Matteo Fagotto

Dopo le violenze della scorsa settimana è tornata la calma nella capitale malgascia Antananarivo. I negozi hanno riaperto, così come gli uffici e le scuole, e le 68 vittime provocate dai disordini e dagli scontri tra manifestanti dell’opposizione e forze dell’ordine sembrano solo un ricordo. Ma Andry Rajoelina, il sindaco della capitale e anima del movimento di contestazione al presidente Marc Ravalomanana, è deciso ad andare fino in fondo. Rovesciando il capo di stato e ponendosi a capo di un governo di transizione.

Nulla sembra poter fermare il TGV malgascio, come è soprannominato Rajoelina per analogia con il treno superveloce francese. Ieri, per nulla sconfortato dalla scarsa risposta della popolazione allo sciopero generale da lui proclamato, il sindaco ha presentato alla Corte Costituzionale una richiesta ufficiale di rimozione dall’incarico per il presidente, accusato di ripetute violazioni della Costituzione. Per sabato prossimo, inoltre, Rajoelina ha annunciato la nascita del nuovo governo di transizione da lui stesso presieduto. Passi che difficilmente otterranno qualche risultato concreto: nessuno ha infatti dato al leader dell’opposizione l’incarico di formare un nuovo esecutivo, mentre la richiesta di impeachment per il presidente dovrebbe partire dal Parlamento, dove Ravalomanana ha una solida maggioranza.

Le iniziative di Rajoelina sembrano più mirate a mantenere calda la piazza che a ottenere risultati concreti: la scorsa settimana, denunciando l’operato del presidente e accusandolo di governare tramite una pseudo-dittatura, Rajoelina era riuscito a mobilitare per diversi giorni migliaia di persone. L’inizio dell’attuale settimana ha però fatto registrare un deciso ritorno alla normalità che va a tutto vantaggio del presidente. Inoltre, oggi sei leader dell’opposizione sarebbero stati arrestati nella città portuale di Tamatave mentre tentavano di organizzare una marcia di protesta contro il presidente, secondo quanto riferito dal quotidiano locale L’Express.

A livello internazionale, intanto, si moltiplicano le richieste per una soluzione pacifica della crisi. In questo senso si sono espresse sia la ex-madrepatria coloniale francese che l’Onu e l’Unione Africana. Per il momento, però, non sembra ci siano margini di trattativa tra il presidente e il sindaco di Antananarivo, che si rifiuta di incontrare Ravalomanana finché non sarà fatta luce sulle violenze avvenute la scorsa settimana. La grande maggioranza delle vittime sarebbe morta nei roghi causati dal saccheggio dei negozi del centro, condotto dai manifestanti, ma secondo l’opposizione almeno un ragazzo sarebbe stato ucciso dalle forze di sicurezza durante l’assalto ai locali dell’emittente televisiva Madagascar Broadcasting System, di proprietà del presidente.

John Martyn

Posted in Roba di musica on febbraio 3, 2009 by eliasmengwee

john
John Martin

il nostro saluto:
Tam Tam Srazz