Errare è umano, perseverare è diabolico

Alfabeto (dei villani)

A come andare, vedere e provare – questa vita che si avvita come una salita, presto o tardi va finita e mai nessuno te la renderà
B bacco nel mondo, sicuro e profondo – ubriacheremo il cielo,
balleremo a tutto spiano, rideremo fin che possiamo, e poi dopo ci lagneremo… della nostra stupidità
C cavoli amari, avanzi sociali – cazzo in culo non fa figli ma fa male se lo pigli, questo è il credo buono che ti porterà lontano, nella nuova civiltà

rit: scrivo nuovi sensi alle parole
abbandonate in verità
… imparo l’alfabeto delle cose,
la nuova libertà/civiltà…
la la la la la la la

D dio ci divide, e lui non si esprime – in mezzo a tante religioni che incrociano i guantoni, la speranza è la ragione, l’umana convinzione, che finisca la paura dell’aldilà
E eterno assai breve, un attore lo sa bene – la felicità non dura ma solo per paura, mentre la tristezza se la prende senza fretta, tanto sa che prima o poi arriverà
F favole arcane, notti sovrane – sotto il letto si nasconde un sovversivo altero, che non crede al vero, non è mai sincero, alla tua porta busserà

rit: scrivo nuovi sensi alle parole
abbandonate in verità
… imparo l’alfabeto delle cose,
la nuova libertà/civiltà…
la la la la la la la

G giustizia battuta, inculata e fottuta – se fa il suo mestiere la si spoglia del dovere, la si infanga con sapienza, trasferiamo l’innocenza verso terre che nessuno esplorerà
H come hai visto quanto male che ti sei fatto – a cantare parole serie canta l’amore, l’amore l’amore non c’è bisogno di disperazione, l’amore l’amore per pietà!
I è l’indignazione di chi ancora agisce per bene – per chi non tace dell’inganno e non si piega al signoraggio, e con voce forte e decisa denuncia crimini e lancia la sfida all’illegalità

rit: scrivo nuovi sensi alle parole
abbandonate in verità
… imparo l’alfabeto delle cose,
la nuova libertà/civiltà…
la la la la la la la

L libero arbitrio, osteggiato e tradito – dai tiranni come la peste, dal potere come le vespe.
Una scusa per ogni stagione per vessare l’evoluzione, la civiltà
M mamme d’italia, vera classe operaia – croce e delizia di questo paese,  siete la schiena su cui tramontare,
la vostra pensione all’umanità, ai vostri figli solo pietà … spegnete la tele, per carità!
N no! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No! No!

rit: scrivo nuovi sensi alle parole
abbandonate in verità
… imparo l’alfabeto delle cose,
la nuova libertà/civiltà…
la la la la la la la la la

O sono gli ostaggi, del sistema gli ingranaggi – tutti perdenti tutti ignoranti, senza la voce per farsi sentire, senza diritti del vivere bene, schiavi moderni senza qualità
P sta per potere, corrotto e corruttore – indaffarato a baciare la mafia, a farsi i soldi in barba alla patria, senza decidere un cazzo di niente, gira e rigira tutto si arrende, al varietà
Q quadro speciale, di bellezza inusuale – che splende senza fatica lungo le strade della tua vita e d’incanto il tuo canto come un lampo a segno arriverà…

rit: scrivo nuovi sensi alle parole
abbandonate in verità
… imparo l’alfabeto delle cose,
la nuova libertà/civiltà…
la la la la la la la

R sono i ragazzi messi nel ghetto dei lestofanti – gli hanno dato il superfluo da bere, un futuro sciancato a dovere, non sanno mai dove andare a parare e quando lo sanno si fanno castrare, dalla mediocrità
S come segreto, saputo e mai svelato – spesso il mondo è governato, da un credo contorto e malato, da menti troppo speciali da risultare quasi banali.  Questo si sa…
T il tempo restato, al mondo ormai spossato – per fermare la rovina, la discesa dalla china, e dire all’uomo: ti sei sbagliato, farabutto esagerato. La partita è finita qua!

rit: scrivo nuovi sensi alle parole
abbandonate in verità
… imparo l’alfabeto delle cose,
la nuova libertà/civiltà…
la la la la la la la

U ultimo posto dell’italia ad ogni costo – non c’è traccia di un grande passato, solo un presente assai depravato dove ha ragione l’ira molesta delle mandrie senza testa. L’inciviltà.
V come vendetta presa fredda e senza fretta – per chi non crede a istanze divine, al giudizio universale, e vuol fare la rivoluzione senza morti e molto pudore, l’integrità
Z il segno di zorro, per gli eroi di tutto il mondo – lasciate stare mantelli e bandiere son poveri stracci di un misero avere.   armatevi solo di dignità, è tutto quello che ci resterà… eh!

rit: scrivo nuovi sensi alle parole
abbandonate in verità…
imparo l’alfabeto delle cose
, la nuova libertà/civiltà
la… la la la la la la la la

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: