il Dottor Stranamore

Pronto? … Eh-eh… pro… pronto, Dimitri? Dimitri, non sento molto bene. Ti dispiacerebbe abbassare un po’ il giradischi? Adesso è molto meglio, sì. Eh… Sì, sì, bene. Ti sento alla perfezione, Dimitri. La voce mi arriva chiara e senza il minimo disturbo. Anch’io non sono disturbato, vero? Bene, bene… Allora vuol dire che nè io né te siamo disturbati. Bene. Sì, è una bella cosa che tu stia bene e anch’io. Sono dello stesso parere. È bello stare bene. Senti un po’, Dimitri… Ti ricordi che noi… noi abbiamo sempre parlato di questa possibilità che succedesse qualche inconveniente con la bomba? La bomba, Dimitri. La bomba all’idrogeno. Beh, insomma, è successo questo: uno dei nostri comandanti di base ha… ha… ha… ha avuto come… beh, insomma, gli è girato il boccino. Beh, sai, è diventato un po’… strano, e… Insomma, ha fatto una sciocchezzuola… Ecco, adesso ti dico cosa ha fatto: ha ordinato ai suoi aerei di venirvi a bombardare. Ma lasciami finire, Dimitri! Lasciami finire, Dimitri! Ma cosa credi, che io mi stia divertendo? Tu te l’immagini quello che sto passando io, Dimitri? E se no perché t’avrei telefonato? Per dirti “ciao”?
[…]
«Dispiace anche a me Dmitri… Mi dispiace molto… Va bene, dispiace più a te che a me, però dispiace anche a me… A me dispiace quanto a te, Dimitri! Non devi dire che a te dispiace più che a me, perché io ho il diritto di essere dispiaciuto quanto lo sei tu, né più né meno… Ci dispiace ugualmente, va bene…? D’accordo.»
(Peter Sellers alias Merkin Muffley)

non capita tutti i giorni di ridere della fine del mondo…

Annunci

4 Risposte to “il Dottor Stranamore”

  1. Nonostante legga i vostri voli filosofico-poetici non intervengo mai, ma a questo punto, se citi Il dottor Stranamore, non mi trattengo.
    Che bellezza di film!!
    Dicono che quando parlo in inglese io sia uguale a lui… speriamo non parta mai il saluto romano!
    Stammi bene gg

  2. speriamo di no!!!
    è un film strano, ha dei ritmi teatrali, e dei monologhi/dialoghi da paura… non sai se ridere o piangere. insomma: grottesco!!!

    (continuo ad avere solo delle supposizioni sulla tua identità…)

  3. Come diceva Marlon Brando,
    “qui, noi non abbiamo bisogno di nomi, perchè non abbiamo bisogno del nostro passato”…. è un vero peccato che non l’abbia detto lei..
    e comunque mi sembra una possibile silloge di quanto accade in ogni fase di crisi, nel Dottor Stranamore come in Ultimo tango a Parigi.
    Supponi, supponi..

  4. mi comprerò presto un’isola dove andare a svernare dalla vita… magari in laguna!!!…

    “ma quanti nomi che hai”
    “quanti me ne servono per essere libero”
    …dal Castello Errante di Howl…

    ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: