altre feste, nella notte.

non si è più abituati all’oscurità. una volta l’oscurità era spaventosa e nascondeva pericoli terribili: le fiere. ora la paura è solo assenza di luce (elettrica), tanto nel buio non c’è più nulla che spaventi, se non noi stessi.

l’uomo gode a vendicarsi della natura che per tanto tempo è stata padrona! (come se ancora non lo fosse) a sentirsene superiore nella tecnica.

non comprendo l’uomo di oggi.

l’uomo non è più natura, è un artificio fin da quando nasce. ha perso ogni contatto con la sua radice di creatura. per questo oggi è impossibile comprendere dove sta andando e perchè… per questo è imprevedibile negativo.

Nausica di Miyazaki: l’uomo perfetto viene creato in laboratorio e rinchiuso in un “tempio” (sarcofago) per fare la sua comparsa quando la terra sarà di nuovo purificata dall’inquinamento e dare il via ad una società evoluta (gli stessi che creano l’uomo perfetto sono quelli che hanno inquinato e distrutto il mondo). gli esseri umani discendenti da questi e viventi nel mondo sporco si accorgono che se loro raggiungono le zone purificate muoiono all’istante, il loro corpo è mutato con la natura. non possono vivere senza la tossicità del terreno e dell’aria che li circonda. i popoli “inquinati” distruggono il popolo perfetto prima ancora che nasca. hanno scelto che sia la natura stessa a decidere se loro si estingueranno o se cambieranno, ancora, con essa.
sentendosi parte di un tutto e non una forza eletta o superiore: ritrovano una strada comune.

ogni dieci persone c’è un messia che potrebbe dare il via ad una rivoluzione. spesso lo fa, spesso non viene ascoltato, spesso è una rivoluzione così semplice da sembrare banale.

allora penso all’universo e a come noi uomini siamo meno di uno sputo in tutto questo. e questo pensiero mi riporta a terra. mi riconcilia umilmente con tutto… da questo pensiero posso ripartire a costruire qualcosa di buono.

(momenti sparsi [e spersi] di un dialogo tra il Bo e il G, fatto sabato notte passeggiando in spiaggia a lignano durante una festa. il bo è padrone di compendiare le mie mancanze)

Annunci

9 Risposte to “altre feste, nella notte.”

  1. “oggi è impossibile comprendere dove sta andando e perchè… per questo è imprevedibile negativo” – no no no, al contrario G: oggi è perfettamente visibile, anzi esattamente evidente chi è (o meglio: non è – più) e dove sta andando (o meglio: dove si sta seppellendo – illuso di vivere al massimo)!
    (Io col Bo ero d’accordo che mi facesse sapere se andava a festoni buèi!?)
    CiaU

  2. io mi sento vicino alla tua idea, il bo forse meno, ma non posso parlare per lui. ma credo che il discorso vertesse più che verso il destino umano, alla vita di tutti i giorni (che certo è collegata al futuro) dove trottole impazzite si scontrano senza capirsi…
    eravamo comunque pervasi da una “tranquilla coscieza” senza giudizio e sebbene il crollo ci sembrasse inevitabile boffonchiavamo su caparozoli, gransi pori e sughetti al pomodoro…
    (vedi che non sono solo io che si dimentica di informare la gente delle feste!?!?)
    ciaooo

  3. Ziocanèa ve destaco i déi e ve’i fico in t-él puli puli pù fa il tacchino diogàio!

    Nn ricordo dove dici ke se votare cambiasse le cose nn c sarebbe il voto, il ke presuppone ke nn siamo liberi e ke ogni libertà concessa xké cnqistata prima da altri a prezzi ke conosci bene facendone commemorazioni ec., in realtà, non sia ke illusoria: ma non credo sia così, anzi credo proprio ke ki detiene il potere (ke è sempre stato economico, e oggi ciò è + evidente ke mai, prima ke politico in senso stretto: la politica oggi è solo l’ufficio conti dl caplismo globale – ahinoi…) voglia esattamente demotivare e sfiduciare l’uomo rispetto alla possibilità di organizzarsi in forme sociali di giustizia e equità, lasciandolo a moti sbandati e disorganici (decomposizione dl corpo sociale, e psichico…) secondo l’antico motto Romano: dividi et impera! E’ pur vero ke sorgono intrecci e forme alternative: ma si danno forme civili comunitarie o lavorano nel sottobosco? Ricordi il post su Orwell, è ancora quello il cuore di tutto: pure a me pare ke la politica stia cambiando sede, o meglio si stia ridefinendo anke in termini di strutture in cui formarsi; ma è kiaro ke se nn voti ma neanke proponi forme civili e sociali alternative è a loro ke la dài vinta, nn certo a un presunto qnto vano orgoglio anarcoide!

    (Va beh nn è qsta la sede: ne parliam d persona; mi premeva xò kiarire…)

    CiaU

  4. ziu ken, era un proverbio anarchico che avevo messo su skype, direttamente collegato alla farsa delle primarie nel nostro gaio comune di babbei. la cosa presupponeva appunto una forma alternativa. assenza di capi e governo ma una comunità che si autolegifera da se come anche illo dicesse nel commento ivi sopra postato. comunque fosse solo uno scoro (scora al maschile) dovuto al giramiento de cocones por tuto l’ambaradam. olè
    adelante adelante c’è un uomo al volante che sembra un diavolo… ga da essere marcone… azz…

  5. U …. era una festa di luerea di una conoscente (ma neanche tanto) e non sapevamo chi si potesse invitare …..

    G … bravo ad aver trascrito qualche stralcio ma ci sono cose che non possono essere raccontate senza invalidarne l’essenza…

    B … si ma il visibile è solo una eccessiva considerazione della nostra capacità di informarci ,studiare e capire la natura vera del mondo. Non facciamo i superiori …non è abbiamo la forza e le capacità soprattutto oggigiorno. (in risposta alla risposta di U)

  6. Bo, nn si tratta affatto d “far i superiori” (?!) ma solo ke se ‘vedi’ una cosa su cui puoi intervenir ma dici “tanto nn so il destino ultimo ke prevede così nn faccio niente”, allora seppelliamoci tutti all’istante ké tanto niente vale!!!
    (M’avevi detto dlla laurea: bon, se G è venuto sarà conoscente anke sua…)
    CiaU

  7. no ..no ..no non ci siamo … ma chi ha detto mai che perchè non sai dove vai a parare smetti di intervenire … il fine non è la meta, il fine è il moto …
    Ma appunto …se guardi troppo a dove sta andando il mondo …anche tu vai con lui senza scampo …. senza gustarti quelle cazzo di infinite possibilità che hai di essere felice interpretando la vita a modo tuo ….

  8. già, viviamo tutti dentro un labirinto armonico

  9. Ah beh ma questo è come minimo ovvio, anche perché sennò dove trovi l’energia positiva per vivere nel macello: il fatto è che proprio veder in che stati cònciano la bellezza e tutte le cose buone e positive, ti ‘ammazza’… Credo che se non è bastato 1 Cristo, ora ce ne vogliano almeno 1 milione!
    CiaU

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: